lunedì 4 aprile 2016

Recensione: Gundam Evolve../ 11 RB-79 Ball

GUNDAM EVOLVE../ 11 RB-79 BALL
Titolo originale: Gundam Evolve../ 11 RB-79 Ball
Regia: Kei Momose
Soggetto & sceneggiatura: Hideaki Kondo
Character Design: Icco Sasai
Mechanical Design: Kunio Okawara (originale), Hajime Katoki
Studio: Sunrise
Formato: OVA (durata 8 min. circa)
Anno di uscita: 2005


Nel gennaio 2007, Bandai rilascia un terzo DVD, Alpha, che raccoglie gli ultimi episodi della miniserie Gundam Evolve, quelli usciti nei negozi di modellismo nel 2005. I cortometraggi celebrativi gundamici, abbinati a Gunpla o proiettati negli Hobby Store Fronts, hanno avuto un successo superiore alle aspettative, e a riprova di questo troviamo nel disco addirittura due puntate, la 11 (qui presa in esame) e la 15, completamente inedite, risalenti a quell'anno ma mai rilasciate da nessuna parte, a testimoniare che addirittura c'era stato un eccesso di produzione. Interessante notare anche che, esclusa la 14 (dedicata al gigantesco ma infantile mondo dei Gundam Super Deformed, per cui mi asterrò dal commentarla), tutte le storie rientrano, al contrario di quanto accadeva nel precedente DVD Omega (2006), nel classico universo dell'Era Spaziale, quasi a simboleggiare, per l'ennesima volta, la "sconfitta" di tutti gli Universi Alternativi rispetto alla timeline gundamica per definizione, quella che continua in ogni tempo a vendere tonnellate di Model Kit rispetto ai vani tentativi di Bandai di creare un adeguato corrispettivo moderno per i nuovi otaku.

La puntata 11, basata sul Gunpla Master Grade "Mobile Pod Ball Vers.Ka", ha il primato di essere a oggi l'unico Gundam animato compreso nell'intervallo temporale immaginario tra la fine della Guerra Di Un Anno (anno 0080) e l'instaurazione del governo terrestre fascista dei Titans (0083). I suoi avvenimenti avvengono infatti nove giorni dopo la battaglia di A Bao A Qu, e vedono un piccolo gruppo di Ball federali penetrare nei resti dell'asteroide, per esplorarlo alla ricerca di chissà quali preziosi perduti tra le macerie. Peccato che sia rimasto qualcosa o qualcuno lì dentro, che inizia ad abbattere i tre soldati. Starà al protagonista Hiden scoprire cosa sta succedendo.

Anche se la storia è come se non esistesse, e anche se l'anonimissimo Hiden, coerentemente col suo nome/nomignolo, non ha la minima caratterizzazione e si limita a proferire due esclamazioni nell'arco dei 5 minuti di durata dell'OVA (gli altri 3 sono dedicati ai titoli di coda), e anche se addirittura manca qualsiasi colonna sonora diversa dalla rumoristica di spari e distruzioni, l'avventura trova la sua dignità nelle atmosfere horror, date dall'esplorazione, da parte dell'eroe, dei claustrofobici, oscuri cunicoli della fortezza mentre si aspetta un attacco in qualsiasi istante, da qualsiasi angolazione, terrorizzato e sudando freddo. Chiaramente non ci si può aspettare altro in una durata così minimale, ma quel poco che c'è di suggestivo basta a rendere piacevole la visione, e la Computer Grafica, una volta tanto, è discretamente ben fatta.

Voto: 6 su 10

PREQUEL
Mobile Suit Gundam Thunderbolt (2015-2016; serie ONA)
Mobile Suit Gundam: The 08TH MS Team (1996-1999; serie OVA)
SEQUEL
Mobile Suit Z Gundam (1985-1986; TV)
Gundam Neo Experience 0087: Green Divers (2001; corto)
Mobile Suit Gundam ZZ (1986-1987; TV)
Mobile Suit Gundam Unicorn (2010-2014; serie OVA)
Mobile Suit Gundam Unicorn RE:0096 (2016; TV)
Mobile Suit Gundam Unicorn: One of Seventy Two (2013; corto)
Mobile Suit Gundam F91 (1991; film)
Gundam: Reconguista in G (2014-2015; TV)

Nessun commento:

DISCLAIMER

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, viene aggiornato senza alcuna periodicità e pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge 7 marzo 2001 n. 62. Molte delle immagini presenti sono reperite da internet, ma tutti i relativi diritti rimangono dei rispettivi autori. Se l’uso di queste immagini avesse involontariamente violato le norme in materia di diritto d’autore, avvisateci e noi le disintegreremo all’istante.